Tra suono e senso. Il fonosimbolismo nella "Digitale purpurea" di Giovanni Pascoli


Resumen






La produzione poetica di Giovanni Pascoli è senz’altro ascrivibile alle manifestazioni più tipiche della temperie letteraria decadente di respiro europeo, spesso declinata in una raffinata prosa poetica dal carattere simbolico, sottilmente inquietante. È quanto accade in Digitale purpureala cui l’atmosfera ambivalente, ipnotica e visionaria risulta sospesa tra sogno e realtà, onirismo e recupero memoriale. Il tessuto poetico pascoliano è amplificato nelle sue risonanze dalle frequenti anafore, onomatopee o dalla forte presenza del vago e dell’indefinito; si fonda su una trama complessa di impressioni, segmenti discontinui, sintagmi autonomi e giustapposti. L’originalità è concentrata nel dato fonico, più che in quello logico, rivelando un’ipersensibilità che lega suono e significato, secondo rapporti alogici e irrazionali che evidenziano qualcosa di ossessivo e oscuro.






Palabras clave


Giovanni Pascoli; Fonosimbolismo; Suono e senso; Onirismo; Visionarietà

Texto completo:

PDF (Italiano)

Enlaces refback

  • No hay ningún enlace refback.


Copyright (c) 2019 Zibaldone. Estudios italianos

ISSN: 2255-3576