“Si va avanti, ma Trieste non si prende mai!”. L’irredentismo al battesimo del fuoco


Resumen


Tra i molti concetti seminati dalla propaganda prebellica per indirizzare la volontà popolare poi sconfessati dalla realtà di guerra, l’irredentismo costituisce sicuramente un singolare caso di studio: radicatosi profondamente nel tessuto retorico della letteratura e del giornalismo, fu, alla prova del fronte, rinnegato dalla prima e praticato dal secondo. Autori come Lussu, Frescura, Puccini e Soffici danno conto con lucidità, perché forestieri rispetto alle zone irredente, della decadenza dell’ideale post-risorgimentale, denunciando un netto strabismo tra l’ideologia popolare-demagogica praticata dai giornali e dai quadri di comando e le mitologie private messe in atto nella costruzione del ‘libro di guerra’.

Palabras clave


Irredentismo italiano; Prima guerra mondiale; Retorica della guerra; Emilio Lussi; Mario Puccini

Texto completo:

PDF (Italiano)

Enlaces refback

  • No hay ningún enlace refback.


Issn: 2255-3576